ottobre 2017 novembre 2018

recupero

Il progetto di recupero e riqualificazione dell'ex Chiesa del Carmine comprende due distinti ambiti di intervento: il recupero e il consolidamento strutturale dell'edificio e  il riuso funzionale.

Il progetto di recupero è stato preceduto dal rilievo laser scanner che ha consentito di ottenere un livello di rappresentazione fotografico e geometricamente corretto dell'edificio.

Successivamente, le analisi preventive eseguite sui materiali insieme alle notizie storiche sulle parti architettoniche e decorative,  hanno consentito di formulare precise metodologie di restauro rispettose dell'intero monumento. Anche il progetto di consolidamento è stato redatto sulla base di una nutrita serie di prove diagnostiche atte a caratterizzare la consistenza strutturale dello stesso.  L'intervento sulle strutture è stato studiato con il duplice obiettivo di risolvere le criticità strutturali identificate  e al tempo stesso migliorare il comportamento nei confronti dell'azione sismica di riferimento.

Il recupero della ex Chiesa del Carmine è finalizzato alla realizzazione e all'attivazione di uno spazio urbano fruibile dai cittadini e dalle imprese che vedrà la coesistenza di servizi di informazione (ambiente, mobilità, turismo), eventi cittadini e di spazi attrezzati con tecnologia informatica avanzata, nel segno dell'innovazione e della sostenibilità.

Il recupero di questo prezioso patrimonio cittadino rientra tra gli obiettivi prioritari dell'Amministrazione nel quadro del rilancio di un'area di grande importanza strategica per la città. La zona compresa  tra Piazza Cittadella e Piazza Casali infatti,  per la sua valenza storica, culturale e urbanistica, giocherà un ruolo centrale per lo sviluppo della città del futuro.

E' un progetto ambizioso, un cantiere complesso  e allo stesso tempo innovativo che restituirà alla città un altro gioiello nascosto