ottobre 2017 novembre 2018

storia

La storia del complesso

L'edificio sacro deve la sua fondazione nel 1334 ai Padri Carmelitani. L'impianto originario, che nasce in forme semplici, subisce nel tempo numerose trasformazioni: grazie alla maggiore disponibilità di risorse da parte dell'Ordine Monastico e la necessità di adeguare gli spazi liturgici e conventuali alle nuove esigenze di una comunità in crescita, tra il XIV e XVI secolo nella navata di sinistra vengono aggiunte altre cappelle oltre a quelle medioevali. Nel XVII secolo, la volontà di adeguare la chiesa al nuovo gusto barocco, porta ad eseguire una serie di operazioni tra cui  la fasciatura delle colonne circolari trasformate in pilastri quadrati con lesene sui quattro lati e capitelli, il posizionamento delle statue dei Santi dell'Ordine alle imposte degli archi della navata maggiore, la decorazione delle finestre con cornici in stucco e la realizzazione della facciata su via Borghetto.

In seguito alla soppressione degli ordini nel 1805 la chiesa venne prima adibita ad ospedale di guerra e poi a magazzino mentre il vicino convento è destinato inizialmente a caserma, e,  dal 1807 a Pubblico Macello. Le successive trasformazioni del XX secolo riguardano prevalentemente la parte dell'ex convento mentre la chiesa continua ad essere utilizzata come magazzino.